Manual Ombre nella prossimità. Studi sociali sulle pratiche di vicinato (Sociologia) (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Ombre nella prossimità. Studi sociali sulle pratiche di vicinato (Sociologia) (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Ombre nella prossimità. Studi sociali sulle pratiche di vicinato (Sociologia) (Italian Edition) book. Happy reading Ombre nella prossimità. Studi sociali sulle pratiche di vicinato (Sociologia) (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF Ombre nella prossimità. Studi sociali sulle pratiche di vicinato (Sociologia) (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Ombre nella prossimità. Studi sociali sulle pratiche di vicinato (Sociologia) (Italian Edition) Pocket Guide.

Its ironic to be making these solid, self-contained sculptures in a city that is so temporal, Houseago noted. I find something fantastic in that. Michael Ned Holte is a critic and independent curator based in Los Angeles. Last November, he was a member of the curatorial team for the exhibition Present Future at Artissima 15 in Torino, Italy.

Houseago emerso a Los Angeles insieme ad artisti come Aaron Curry, Matthew Monahan, Lara Schnitger e Ricky Swallow come uno degli scultori che maggiormente ha ridato vigore al linguaggio fgurativo, anche se in parte facendo a pezzi quello stesso linguaggio per poi ricostruirlo. Questo gruppo di artisti costituisce una sorta di confederazione basata sullafnit piuttosto che un movimento maturo, e va notato che Houseago, nato a Leeds, ha frequentato il programma di residenze del De Ateliers ad Amsterdaminsieme a Monahan e Schnitger e ora lavora nello stesso complesso di studi di Curry.

Penck, Jrg Immendorf e altri. In quelloccasione Houseago e Curry hanno costruito dei piedistalli bianchi tutti uguali su cui collocare gli oggetti, e hanno esposto anche le loro sculture come controcanto dellallestimento composto dalle opere dei loro predecessori. Questa intensa riconsiderazione dellelemento fgurativo giunge in un momento in cui lapertura pluralistica vince sulla certezza teleologica, e in questo spazio di possibilit che si spalancato la storia viene continuamente riscritta da artisti che tendono nuove connessioni con il passato.

Ho la sensazione precisava nel Houseago di essere pi interessato alle implicazioni delle Demoiselles dAvignon di Picasso piuttosto che a quelle dellorinatoio di Duchamp. Houseago senzaltro nel posto giusto a Los Angeles, vista lestesa tradizione scultorea di questa citt che risale fno agli anni Sessanta, al minimalismo scivoloso e drogato di John McCracken e Larry Bell e agli eccentrici assemblaggi di cianfrusaglie di George Herms ed Ed Kienholz.

Nel bene e nel male, io assocer sempre le meste fgure di Houseago coni corpi imbalsamati col gesso delle vittime dellautista-diventato-artista-diventato-killer Walter Paisley, interpretato da Dick Miller nel classico della commedia horror Bucket of Blood, ambientato a Venice Beach e girato nel da Roger Corman. Conquel flm, Cormansi fece unnome ai margini di Hollywood per la sua capacit di avere la meglio su unbudget da quattro soldi. Le scenografe create per il flm, per esempio, furono riciclate nel suo benpi noto ALittle Shop of Horrors lanno successivo.

Come Cormanprima di lui, Houseago riesce a catturare la condizione umana consoluzioni provvisorie che rasentano linvisibilit. Ea Los Angeles, che poi il set per riprese esterne di Hollywood, la storia premia spesso ci che efmero. Ci trovo qualcosa di davvero fantastico. Michael Ned Holte un critico e curatore indipendente che vive a Los Angeles. Lo scorso novembre era membro del teamcuratoriale della sezione Present Future di Artissima 15, Torino. Amalgams of odd angles, funny protuberances, unlikely surfaces and idiosyncratic features, his pieces perch uncertainly, as if waiting politely for an introduction to life on earth.

At the first presentation of his exhibition Chairs in Days, held in October , Gamper arranged a collection of chairs over two floors of a large Mid-Victorian house in Londons South Kensington. Each one a three-dimensional collage, pieced together swiftly and spontaneously from a cache of second-hand chairs that encompassed everything from celebrated designs to anonymous constructions, they offer potential sitters a series of unfamiliar experiences.

Newsletter

The private view was a sort of matchmaking party. Guests tentatively paired themselves with chairs, staying put if the fit was good, moving on if the balance and comfort were not promising. As the evening wore on, it became obvious that, however awkward the chairs might appear, they are the agents of easy sociability. Gampers most recent show is a collaboration with the artist Francis Upritchard and the jewelry designer Karl Fritsch at Kate MacGarrys gallery in London.

Titled Feierabend, a German word that refers to the celebratory moment at the end of the working day, the exhibition is a seamless scattering of sculpture, furniture and metalwork. In one tableau, blackened silver screws hold a bent wood shelf that, in turn, supports a small figure made of green clay. In another tableau, the ridges of a rough- hewn wooden table are filled with multicoloured modeling material and its surface is strewn with cutlery that appears to have come from a parallel world.

The boundaries between works and artists are quite unclear. This exhibition is the kind of odd, ambiguous context that suits Gamper. Transience is the state he knows best. In the last twelve months, among many other projects, he has furnished a 19th century Italian fortress for Manifesta 7, designed an elegant shoe shop in downtown Milan and helped install a small multimedia project at the Institute of Contemporary Art in London.

And, more than just making objects, he has cooked dinners many dinners for groups of colleagues and friends, serving unorthodox but usually delectable combinations of ingredients from hastily-rigged kitchens in venues ranging from shops and studios to galleries and museums.

The spontaneous bricolage of his working method remains consistent, but the circumstance and setting are wildly different every time. Working across art and design venues, Gampers practice raises questions of discipline. For Gamper himself, it is simply a matter of seizing interesting opportunities and pursuing fruitful paths, but for others it can appear to be shirking designerly responsibility or cashing in on the private wealth-driven, limited editions boom a phenomenon that might now be on the ebb. Perhaps Gampers unconcern is a product of his Tyrolean roots.

Raised in Merano, a town on the very northern border of Italy, he grew up reading street signs in both Italian and German, but speaking South Tyrolean at home. Meanwhile, his mother talked to her parents in Ladino and his neighbors conversed in numerous other extremely local dialects. Gampers sense of identity is strong, but unique.

He understands structures and hierarchies, but does not bow to them. Unsurprisingly then, Gampers story is singular and characterized by spontaneity. After an adolescence apprenticed to Merano-based furniture maker Peter Karbacher, he bought a round-the-world ticket and spent a couple of years jobbing his way across the globe, often paying his way with joinery.

Returning home, he applied to art schools and was offered a place in the sculpture course at the Fine Arts Academy in Vienna under the professorship of Michelangelo Pistoletto. Gampers portfolio at that time was a large bag made from an inner tube a design copied from other world travelers filled with bits and bobs. In spite of seducing the art faculty with his cavalier style, he did not settle. Within months, he had defected to product design under the leadership of Memphis-founder and fellow South Tyrolian Matteo Thun and by , before finishing his degree, he was employed in Thuns studio in Milan working on products, furniture and interiors.

Gamper moved to London in to study at the Royal College of Art and has lived in the city ever since. At the College, he forged connections across departments, most importantly meeting members of the nascent graphic design collective bke, now his regular collaborators, in the letterpress studio, to which they had all been attracted by the physicality of wooden type and the craft involved in setting it.


  • via Masera, opposite street number10;
  • Abbonamenti e acquisto fascicoli - PDF;
  • 101 Tricks for iPhone & iPad?
  • Canned Good: a novel;
  • The Other Shooter!

Gamper has a thorough understanding of design history embedded in the process of construction. Martino Gamper crea mobili dalle forme curiose.

Impasti di angoli bizzarri, strane protuberanze, superfci improbabili e caratteristiche singolari, i suoi pezzi stanno appollaiati in modo incerto, come se attendessero educatamente di essere introdotti alla vita. Per la sua mostra Chairs in Days dellottobre , Gamper ha allestito un gruppo di sedute nei due piani di una grande casa di epoca vittoriana a South Kensington, Londra. Ognuna di loro era come un collage tridimensionale, ricavato da uno stock di sedie di seconda mano che riuniva capolavori del design e prodotti anonimi, e ofriva a colui che si sedeva unesperienza non comune.

La private viewsembrava una di quelle feste organizzate per formare delle coppie: gli invitati procedevano per tentativi, accoppiandosi a una sedia per volta, fermandosi se la seduta si adattava bene e spostandosi altrove se lequilibrio e la comodit non risultavano soddisfacenti. Nel corso della serata, diventava chiaro quanto, nella loro apparente scomodit e gofaggine, le sedie fossero in realt degli agenti di socializzazione.

La mostra pirecente di Gamper, tenutasi alla galleria Kate MacGarrydi Londra, era invece una collaborazione conlartista Francis Upritcharde il designer di gioielli Karl Fritsch. Intitolata Feierabend, una parola tedesca che si riferisce al momentodi gioia e celebrazione che giunge alla fne di una giornata di lavoro, quella mostra era composta da unmixomogeneoe coesodi scultura, pezzi darredamentoe oggetti metallici. Inuna composizione, viti dargentoannerite tengonoinsieme unoscafale inlegno curvatoche, a sua volta, supporta una piccola fgura inargilla verde; inunaltra, gli spigoli di untavoloinlegnorozzamente tagliatosonosmussati conuna pasta colorata, e la sua superfcie ricoperta da unserviziodi posate che sembra provenire da unaltro mondo.

Il confne tra i lavori e gli artisti appare decisamente incerto. La mostra proprio quel genere di contesto strampalato e mutevole che si addice a Gamper. Lindeterminazione la condizione che conosce meglio. Negli ultimi dodici mesi, tra gli altri numerosi progetti, ha allestito una fortezza italiana del Diciannovesimo secolo per Manifesta 7, progettato un elegante negozio di scarpe nel centro di Milano e collaborato allinstallazione di un piccolo progetto multimediale allICAdi Londra.

Oltre a costruire oggetti, poi, ha cucinato cene, molte cene, per gruppi di colleghi e amici, servendo combinazioni di ingredienti poco ortodosse ma in genere deliziose, preparate in cucine assemblate in fretta e furia in location diverse, dal negozio allo studio alla galleria al museo. Il bricolage spontaneo che caratterizza il suo metodo rimane un elemento costante, ma le circostanze e lambientazione sono ogni volta completamente diversi.

Situandosi al confne tra arte e designe occupando locationdeputate di volta in volta alluna o allaltro, la pratica di Gamper solleva una serie di questioni legate allappartenenza a una disciplina. Dal suo punto di vista, si tratta sostanzialmente di cogliere opportunit interessanti e intraprendere percorsi profcui, ma per gli altri pu sembrare che voglia schivare le responsabilit proprie del designer puro o fare soldi sul boomdel collezionismo privato di edizioni limitate fenomeno, questo, che potrebbe ora conoscere una fase di declino.

Probabilmente la noncuranza di Gamper riconducibile alle sue radici tirolesi. Cresciuto a Merano, una citt sullestremo confne settentrionale dellItalia, cresciuto leggendo le insegne stradali sia initaliano sia intedesco, e parlando indialetto sud-tirolese tra le mura domestiche. Nel frattempo sua madre parlava inladino coni genitori, e i suoi vicini conversavano innumerosi altri dialetti strettamente locali.

Il senso dellidentit di Gamper dunque forte, ma speciale. Egli comprende le strutture e le gerarchie, ma nonsi lascia piegare da loro. Nonstupisce pertantoche la sua storia sia singolare e caratterizzata da unatteggiamento estremamente spontaneo. Dopounadolescenza trascorsa a fare apprendistato presso un mobiliere di Merano, Peter Karbacher, ha comprato un biglietto per fare il giro del mondo e ha passato due anni facendo lavoretti saltuari, spesso in laboratori di falegnameria, per sbarcare il lunario ovunque si trovasse. Tornato a casa, ha fatto domanda di ammissione presso diverse scuole darte, fnch non gli stato oferto un posto al corso di scultura della Fine Arts Academy di Vienna, allora tenuto da Michelangelo Pistoletto.

Allepoca il portfolio di Gamper consisteva in una grande borsa ricavata da un salvagente idea che aveva rubato ad altri giramondo durante i suoi viaggi e riempita di cianfrusaglie; ma anche in quelloccasione, invece che sedurre la facolt darte con il suo stile da cavaliere errante, Gamper decise di non fermarsi. Nel giro di qualche mese, cominci a produrre design alle dipendenze del conterraneo Matteo Tun e nel , prima ancora di aver terminato gli studi, era gi impiegato presso lo studio di Tun a Milano e lavorava sui prodotti, sullarredamento e sulla progettazione di interni.

Al College ha instauratodiversi rapporti constudenti di ogni dipartimento, e soprattuttoha incontratoalcuni membri del nascente collettivodi graphic design bke, ora suoi regolari collaboratori. Lincontro avvenutonel laboratoriodi stampa tipografca, dove eranotutti afascinati dalla fsicit dei vecchi caratteri tipografci inlegnoe dallabilit richiesta per utilizzarli. Gamper, del resto, ha una profonda conoscenza della storia del designcome parte di unpiampioprocessoproduttivo. Remaking the furniture of Gio Ponti as a performance at Design Basel in , his gestures were playful, but their ramifications were deeply felt.

Addressing a more mainstream understanding of the discipline, Gamper aspires to make an industrially-produced chair. Clich though it is, it remains the definitive design problem and, individual though he is, Gamper is not immune to this kind of injunction. Until now, he has been working primarily in contexts created by his curiosity or generated by his extreme sociability, but of course, with his current success, those circumstances are likely to expand and become less familiar.

Gamper seems to be poised on a cusp. Tracing his ad hoc course up to this point has been fascinating; watching his trajectory over the next few years promises to be even more so. Emily King is a London-based design historian, writer and curator. She contributes to an eclectic selection of international magazines and journals including Frieze, Print and Ponystep. Nel rifare i mobili di GioPonti durante la performance del a DesignBasel, il suoatteggiamentoera giocoso, ma le implicazioni di quellazione eranobenchiare a lui come agli spettatori.

Rivoltosi a unapprocciopimainstreamalla disciplina, Gamper aspira ora a realizzare una sedia prodotta industrialmente. Per quantobanale possa apparire, infatti, quello della funzione rimane il problema defnitivodel designe, per quantoparticolare sia Gamper, nonha alcuna intenzione di ignorare questoimperativo. Finora ha lavorato per lopiincontesti generati dalla sua curiosit e dalla sua estrema socievolezza, ma naturalmente, conil successoche sta riscuotendo, queste circostanze fnirannoper espandersi diventandosempre menofamiliari.

Inquestomomento, insomma, Gamper sembra stare inequilibriosuuna cuspide: seguire il suopercorsofnoa questopunto statoafascinante, e guardare la sua traiettoria continuare negli anni a venire promette di esserloancora di pi. Emily King unastoricadel design, criticae curatrice conbase aLondra. Scrive sudiverse riviste internazionali tracui Frieze, Print e Ponystep.

Since its premiere on May 7, at the Krntnertortheater in Vienna, the Ode has been heaped with such mountainous praise that it is now frmly enshrined as one of the urtexts of Humanisma paean to universal brotherhood, a testament to fundamental human goodness, a triumph of both Enlightenment rationality and Romantic sentiment.

It has, however, been put to other use. As Jennifer Allora and Guillermo Calzadilla pointed out when I sat down with them at Gladstone Gallery in New York to discuss their new work Stop, Repair, Prepare: Variations on Ode to Joy for a Prepared Piano, Beethovens Ode has been subject to all manner of historical vicissitudes, which have called the concreteness of its meaning into question.

For instance, in a true testament to its democratic appeal, the Ode was a beloved hymn of Hitler and the National Socialists. It was played at the laying of the cornerstone of the Haus der Deutschen Kunst in Munich, which was to become the site of the infamous Groe Deutsche Kunstausstellung Great German Art Exhibition and Hitlers lectures on art and culture, and it served as one of the highpoints of the Dsseldorf Reichsmusiktage Reich Music Days.

Títulos relacionados

In , it was even played as part of Hitlers birthday celebrations. Il quarto e ultimo movimento della nona sinfonia di Beethoven, conosciuto come Inno alla Gioia dal titolo della poesia di Friedrich Schiller da cui deriva il libretto, probabilmente il brano musicale pi riconoscibile della storia. Fin dalla sua presentazione, il 7 maggio al Krntnertortheater di Vienna, lInno stato investito da un tale enorme apprezzamento da essere tuttora considerato una delle opere fondamentali dellUmanesimo una lode della fratellanza universale, una testimonianza della fondamentale bont umana, un trionfo del razionalismo illuminista e insieme del sentimentalismo romantico.

Nel corso del tempo, comunque, stato utilizzato nei modi pi diversi. Come hanno evidenziato Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla quando li ho incontrati alla Gladstone Gallery di New York per discutere del loro nuovo lavoro Stop, Repair, Prepare: Variations on Ode to Joy for a Prepared Piano, lInno di Beethoven stato sottoposto a tutta una serie di vicissitudini storiche che hanno posto la questione di quale fosse il suo efettivo signifcato.

Department of History and Civilization - PDF Free Download

Per cominciare, a testimonianza del suo appeal sulle masse, lInno stato amato da Hitler e dai nazionalsocialisti, suonato anche alla cerimonia di posa della pietra inaugurale della Haus der Deutschen Kunst di Monaco dove avrebbero avuto luogo la famigerata Groe Deutsche Kunstausstellung Esposizione della Grande Arte Tedesca e le conferenze di Hitler su arte e cultura , ed stato uno dei brani- simbolo del Reichsmusiktage Festival della Musica del Reich di Dsseldorf.

Nel stato addirittura suonato alla festa di compleanno di Hitler. Tese radical contextual shifs, and the layers of meaning that they have subsequently piled upon Beethovens original music, form the backdrop for Stop, Repair, Prepare, which was, appropriately, frst exhibited at the former site of the Haus der Deutschen Kunst now recuperated as the Haus der Kunst in the same hall in which Hitler denounced degenerate art.

Like many of Allora and Calzadillas previous works, Stop, Repair, Prepare is a complex hybrid of sculpture, performance and experimental musical practice. It consists of an early 20th century Bechstein piano that has been put up on wheels and prepared by cutting a round hole in the center of the body and reversing the pedals, which allows a series of performers to play variations on the Ode to Joy as transcribed for piano by Franz Liszt from inside of the instrument. During the performance, the pianist, girdled by the absurd skirt of the instrument, periodically trudges with it through the performance space, dragging its weight as he or she plays.

Tese periods of movement coincide with moments in the Ode where the music shifs into the then-fashionable Turkish style, which was adapted from Turkish military music of the Janissary bands, and incorporated into the works of European composers to give them an Oriental fare. Incidentally, the Stop in the title of the piece is at least partially derived from the Turkish stop that was added on to some early 19th century pianos, which allowed players to create the sound of bells and bass drums that were typical of the Turkish style.

Tese passages have the plodding forward momentum of an army on the march, and when the pianist moves the instrument through the performance space, by turns confronting the audience with the Oltre a tutto ci, lInno stato utilizzato come brano ufciale dal regime di supremazia bianca di Ian Smith in Rhodesia, come lode alla solidariet tra i lavoratori durante la Rivoluzione Culturale cinese, come inno nazionale provvisorio della Germania divisa quando Est e Ovest gareggiavano insieme ai giochi olimpici e pi tardi, ironicamente, come colonna sonora della caduta del muro di Berlino e infne, in tempi pi recenti, come inno ufciale dellUnione Europea.

Questi radicali spostamenti di contesto, e i livelli di senso che si sono via via accumulati sulla musica composta da Beethoven, compongono lo sfondo di riferimento di Stop, Repair, Prepare opera esposta per la prima volta nellex Haus der Deutschen Kunst ora Haus der Kunst , nella stessa sala in cui Hitler denunci larte degenerata. Come molti dei lavori precedenti di Allora e Calzadilla, Stop, Repair, Prepare un ibrido di scultura, performance e musica sperimentale.

Consiste in un pianoforte Bechstein del primo Novecento, messo su ruote e preparato tagliando un buco circolare nel centro e rovesciando i pedali preparazione che consente a una serie di performer di suonare alcune variazioni dellInno alla Gioia nella trascrizione per piano di Franz Liszt dallinterno dello strumento. Durante la performance il pianista, cinto da questa sorta di assurda gonna, cammina attraverso lo spazio trascinandosi faticosamente dietro lo strumento, senza mai smettere di suonare. Questi passaggi di movimento coincidono con alcuni momenti dellInno in cui la musica si converte in uno stile alla turca allora di gran moda, che derivava dalla musica militare turca delle bande di giannizzeri e veniva incorporato nelle opere di compositori europei per dar loro un tocco orientale.

E a questo proposito, la parola stop del titolo deriva almeno in parte dal Turkish stop, un meccanismo che veniva aggiunto ad alcuni pianoforti del primo Ottocento per consentire agli esecutori di In a new work by the Latin American duo, a piano recital turns into a surreal performance, and the Ode to Joy reveals itself to be a tool for understanding our times. As the designation implies, the performances of the variations themselves, which are executed by pianists recruited by Allora and Calzadilla from a variety of music conservatories, take the Ode as a rough base from which to extemporize.

With Cagian panache, the performers transform the limits of the prepared instrument into strengths. Te centermost octaves, which have been rendered inoperative by the artistsexcision, become a feld of clacking percussive elements, which produce sounds that range from the emphatic to the pathetic. Te piano wire, now in reach of the performer, can be sharply plucked, or, at the lower register, strummed to produce a cascading storm of sound.

In the hands of these performers, the Ode mutates and becomes monstrous a favorite word of Allora and Calzadillas when describing their art , revealing a music at war with itself. Many of Allora and Calzadillas previous works have also engaged with war and confict, both as an externally referential thematic and an internal structuring principle. For example, their works Returning a Sound , Landmark , Landmark Footprints and Under Discussion were the products of their extended engagement with the Puerto Rican island of Vieques, and its residents ultimately successful efort to close a United States Navy bombing range that was in operation there.

Similarly, a recent trilogy of works Clamor , Wake Up and Sediments, Sentiments Figures of Speech was produced as a result of their interest in the history of military music, and the ways in which ricreare il suono delle campane e dei bassi tipici dello stile turco. Questi passaggi hanno landamento faticoso di un esercito in marcia, e quando il pianista muove il piano attraverso lo spazio espositivo, mettendo gli spettatori a confronto con la massiccia presenza dello strumento e guidandoli come un impacciato e disordinato piferaio, sembra che stia mettendo in scena al rallentatore entrambi i versanti di un confitto il pubblico si trasforma in un esercito provocato allo scontro, una scarna truppa di resistenza che sottomette un carro armato.

Le ottave centrali, rese inerti dalla recisione operata dagli artisti, lasciano spazio allo schioccare di elementi di percussione, che producono un suono capace di estendersi dalla tonalit enfatica a quella patetica.

Le corde del piano, ora accessibili allesecutore, possono essere strappate bruscamente oppure pi semplicemente pizzicate, a produrre una cascante tempesta di suono. Nelle mani dei musicisti, lInno di trasforma e diventa mostruoso uno dei termini preferiti da Allora e Calzadilla nel defnire il proprio lavoro , rivelando la natura profonda di una musica in guerra con se stessa.

Molti lavori precedenti di Allora e Calzadilla, del resto, avevano gi afrontato il tema della guerra e del confitto, come riferimento esterno e allo stesso tempo come principio strutturale interno. Per esempio, le opere Returning a Sound , Landmark , Landmark Footprints e Under Discussion erano il risultato del loro prolungato interesse per lisola portoricana di Vieques e la battaglia, poi vinta, dei suoi abitanti per ottenere la chiusura di una base militare statunitense.

In our conversation, Allora and Calzadilla told me that Stop, Repair, Prepare grew out of this trilogy of works. However, I believe that it proves to be grander than its antecedents in the breadth of its metaphoric reach. Historical vagaries aside, creating a work that engages with a historical document such as the Ode to Joy, which strains to encompass the grand aims of Western humanism, cannot but lend that work an air of grand statement, wherever it might be situated.

Put simply, however and wherever you read Stop, Repair, Prepareas satire or tragedy, in the Haus der Kunst in Munich or at the Gladstone Gallery in New Yorkyou cannot help but read it in terms or what it says about Western civilization writ large. Of course, this is not to say that Stop, Repair, Prepare is not just as mutable as the Ode itself has proven to be. Rather, it is a work that, much like the sounding board of the piano on which it is performed, transmits vibrations and allows for social, political and historical resonances.

Te shape-shifing nature of the piece, of course, is not lost on the artists who produced it. When I spoke to them, Allora and Calzadilla were fascinated by how the geographical and temporal shif from Munich to New York had afected the works meaning, in ways that they could not have anticipated.

When they were slotted into the gallerys exhibition schedule, they knew that the work would be shown soon afer the inauguration of a new United States Presidenta monumental shif, whichever way the cards fell. What they could not have foreseen, however, is just how diferent the world would look in January of than it did when the piece was frst performed the previous June.

It tentatively pointed a way forward, seeming to assert that for all its historical baggage, Europe, like the Ode, would soldier on, for good or ill. In New York, the piece had lost much of the humor that Allora and Calzadilla ofen use to temper the tragic elements of their work. Here, the performers wheeled their piano around a gallery just as empty as the factories, ofces, stores and homes that were shuttered in the wake of the thundering collapse of an era built on avarice, irresponsibility and fraud.

Teir plight was no longer funny, but absurd: they seemed to drag the instrument around as Sisyphus would his stone. Of course, it cannot be denied that there was a glimmer of hope to be found in the future presaged by the recent inauguration. One of the performers even sported an Obama t-shirt. But, ultimately, the grand statement that Stop, Repair, Prepare made in New York was just this: the party is over. Chris Wiley is an artist and writer based in New York.

His writing has appeared in Abitare and Cabinet, and he has recently worked as an editor of a publication that will accompany the upcoming exhibition Younger Tan Jesus at the New Museum in New York. Durante la nostra conversazione, Allora e Calzadilla mi hanno spiegato che Stop, Repair, Prepare ha avuto origine proprio da questa precedente trilogia per quanto io sia convinto che possegga unestensione metaforica persino maggiore. Bizzarrie storiche a parte, il fatto stesso che unlavoro si relazioni conuna testimonianza della portata dellInno alla Gioia gli conferisce la levatura di unimportante dichiarazione.

Semplifcando si potrebbe dire che, inqualunque modo e inqualunque luogo si guardi a Stop, Repair, Prepare come satira o come tragedia, nellHaus der Kunst di Monaco o alla Gladstone Gallery di NewYorksembra impossibile nonleggerlo entro una piampia rifessione sulla civilt occidentale. Nonsignifca che Stop, Repair, Prepare nonpossa rivelarsi mutevole come lInno, ma piuttosto che proprio come il piano conil quale il lavoro viene eseguito trasmette vibrazioni e produce risonanze inquesto caso sociali, politiche e storiche. Il fatto che il lavoro, per sua natura, cambi continuamente forma, naturalmente qualcosa a cui gli artisti non sono insensibili.

Quando abbiamo parlato, Allora e Calzadilla hanno confessato di essere afascinati dal modo in cui lo slittamento geografco e temporale da Monaco a New York abbia infuenzato il signifcato dellopera, perfno oltre le loro aspettative. Quando la mostra stata inserita nella programmazione della galleria, sapevano gi che lapertura sarebbe avvenuta subito dopo linsediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti e quindi, comunque fosse andata, dopo una monumentale trasformazione per il Paese.

Quello che per non avrebbero potuto prevedere, quanto diverso sarebbe stato il mondo del gennaio da quello del giugno precedente. AMonaco, Stop, Repair, Prepare parlava alla storia dellEuropa, alle sue alte ambizioni e ai suoi disastrosi fallimenti. Indicava una strada in avanti, e sembrava asserire che con tutto il suo bagaglio storico lEuropa, come del resto lInno, sarebbe necessariamente andata avanti, nel bene e nel male.

ANew York, invece, ha fnito per perdere gran parte dellumorismo con cui Allora e Calzadilla usano stemperare gli elementi tragici del loro lavoro: i performer si trascinavano dietro il peso del piano in una galleria vuota come tutte le fabbriche, gli ufci, i negozi e le case che avevano chiuso sulla scia del fulminante collasso di unera costruita sullavarizia, sullirresponsabilit e sullinganno. La loro condizione non era pi divertente, era divenuta assurda: sembravano trascinarsi dietro lo strumento come Sisifo la sua pietra.

Naturalmente innegabile che il recente insediamento abbia acceso un barlume di speranza nel futuro uno dei performer ha sfoggiato perfno una T-shirt di Obama. Chris Wiley un artista e critico che vive a NewYork. I suoi scritti sono apparsi su Abitare e Cabinet, e recentemente ha lavorato come editor di una pubblicazione che accompagna la mostra Younger than Jesus, prossimamente al NewMuseum di NewYork.

Burger Raven Row Kaleidoscope. In this remark by Deleuze, who perceives in phenomenology and above all Bergsonismthe dialectical transcendence of this gap, there is something of an echo of the most recent works of Melvin Moti. Te trouble presented by these works issues fromthe incessant reconfguration of time experienced as a duration and time in suspension, when frozen images encounter a hypertrophy of perceptual phenomena and voices modulate proposed fctions, all the while returning us to our senses. Motis work therefore presents the trouble of consciousness, when consciousness itself becomes a movement-image like the others, therefore prey to universal variations Deleuze.

Bergson, according to Deleuze, claims that true movement is matter, and movement-matter is the image. With regard to Motis flms, nothing prevents us fromsubstituting the term consciousness for matter in this three-part equation. Since Te Black Room , it seems that the majority of these partsand certain of the artists textsconverge on at least one point: they are arranged around the displacements undergone by consciousness when it is plunged into conditions of a psychosensorial experiment, through which human subjectivities become as much undulating fux as active forces.

Time, the image and consciousness become variables. Tis flmand the texts of Melvin Moti take place like strata of consciousness, of time and images, like waves of sensations and perceptions. Consciousness is rarely present in the work of Melvin Moti in an integral form. It appears as afected or intoxicated by psychosensorial experiments Te Prisoners Cinema, , by dreaming ESP, , or by manipulations of the mind ESP again, which testifes to the artists interest in mind control and magical illusions.

Te importance Melvin Moti accords to transitional states should not be dismissed: the moment before sleep, fashioned by the imagination and the sharpening senses; the moment of waking, when the caesura between dreaming and reality still isnt perceptible. As the narrator would have it of J. Dunnes memories, dreams house a premonitory dimension, inverting the structure of time like so many moments experienced in the suspension of chronological and spatial points of reference, or so many states that pass through a dissociated consciousness, captured in the confusion of time, seized before consciousness exercises its power to synthesize and bring one back down to reality.

Consciousness, taken in the fowing series of my experiences, is somnambulistic and perfect by intuition, dominated by the percept, inciting the imagination to productivity. ESPand Te Prisoners Cinema demonstrate this situationvery well: inthe frst case, the structure of representative thought is undermined, slowed downto the point of being halted the slow-motion image of the explosionof the bubble , but re-injected with animage through speech the voice of the narrator describing the experiments of which he is part.

Te imbrications of diverse temporal structures, by which the past, present and future cease to followa linear development, generate confusionthe dreamrecomposing all the more the relationship betweenspace and time. Plunged into an intimate mechanism, the mind, as in the case of Te Prisoners Cinema, goes back to ground zero, to the mind at point blank Moti. It passes through a pure experience of unmeasurable time, in the heterogeneous dure of myself Bergson , which renders it highly sensitive to any immediate experience.

Consciousness is deprived of its diferentiating and selective function. It has its own mode of organization, which is no longer based on the total and synthesizing apprehension of reality, but rather on the dynamic interactions of diferent intensities that it may experience. Te processes at work in ESP or Miamilism depend on a veritable reversal, consisting of maximizing the perceptive dimension of the relationship to reality, to the detriment of its intelligibility, and exaggerating the phenomena of sensorial perception in order to create an open place, which may be a kind of incessant creation of fgures, forms, and other intuitive images.

Te abovementioned works stage forms of transitory subjectivity, an alteration of the unity of the self. Te fctive accounts of seances of self-hypnosis and of surrealistic sleepwriting to which the slowpan across the details of Pompeiian murals Te Black Room responds, reminiscent of the phenomena experienced by those who undergo long periods of visual deprivation Te Prisoners Cinema , are the paradigms of these voluntary immersions in the game of consciousness.

Nei lavori recenti di Melvin Moti si avverte uneco di questa osservazione di Deleuze, il quale percepisce nella fenomenologia, e soprattutto nella flosofa di Bergson, il superamento dialettico di questo gap. Sempre stando a Deleuze, Bergson sostiene che il vero movimento la materia, e il movimento-materia limmagine. Nulla ci impedisce, in riferimento ai flm di Moti, di sostituire il termine materia con quello di coscienza in questa equazione a tre termini.

A partire da Te Black Room , sembra che questi elementi oltrech alcuni dei testi scritti dallartista convergano su almeno un punto: essi sono confgurati attorno ai transfert subiti dalla coscienza quando immersa nelle condizioni di un esperimento psicosensoriale, attraverso il quale le soggettivit umane diventano fussi ondeggianti e forze attive. Il tempo, limmagine e la coscienza diventano variabili. Questo flm e i testi di Melvin Moti prendono la forma di strati di coscienza, di onde sensoriali e percettive. La coscienza raramente presente nel lavoro di Melvin Moti come forma integrale.

Appare sempre condizionata o intossicata da unesperienza psicosensoriale Te Prisoners Cinema, , dal sogno ESP, , o da qualche manipolazione psicologica di nuovo ESP, opera che testimonia linteresse dellartista per i processi di controllo della mente e per le illusioni della magia. Limportanza che Melvin Moti attribuisce agli stati di transfert non va tralasciata: nel momento prima del sonno, reso pi faticoso dallimmaginazione e dai sensi che si afnano, e nel momento del risveglio, quando la cesura tra sogno e realt non ancora percepibile, i sogni, come sosteneva J.

Dunne, posseggono una dimensione tanto pi premonitoria, in quanto invertono la struttura del tempo. Come, del resto, in numerosi altri momenti dove si sperimenta una sospensione dei punti di riferimento temporali e spaziali, o si attraversa uno stato di coscienza dissociata, e si aferrati nella confusione del tempo, prima che la coscienza possa esercitare il proprio potere di sintesi e ci restituisca il contatto con la realt. In questi casi la coscienza, rapita nella successione futtuante delle mie esperienze, sonnambolica e dominata dalloggetto di percezione che incita limmaginazione alla produttivit.

ESP e Te Prisoners Cinema dimostrano benissimo questa situazione: nel primo caso, la struttura del pensiero rappresentativo minata, rallentata al punto di essere sospesa limmagine al rallentatore dello scoppio della bolla , e tuttavia limmagine si reinserisce attraverso il discorso la voce del narratore che descrive gli esperimenti a cui ha preso parte.

Pi la sovrapposizione di diverse strutture temporali a causa della quale passato, presente e futuro smettono di seguire uno sviluppo lineare genera confusione, pi il sogno ricompone la relazione tra lo spazio e il tempo. Immersa in tale meccanismo intimo, la mente, come nel caso di Te Prisoners Cinema, torna al punto zero la mente vuota di Moti. Passa attraverso una pura esperienza di tempo incommensurabile, una eterogenea durata di me stesso Bergson che la rende altamente sensibile a qualunque esperienza.

La coscienza privata della propria funzione diferenziante e selettiva. Essa ha la propria specifca modalit organizzativa, che non pi basata sulla totale e sintetica comprensione della realt, ma piuttosto sulle interazioni dinamiche di varia intensit che essa pu sperimentare. I processi in atto in ESP e Miamilism dipendono da un autentico rovesciamento, che consiste nel massimizzare la dimensione percettiva nella relazione con la realt a scapito della sua intelligibilit, nellesagerare i fenomeni della percezione sensoriale in modo da creare un luogo aperto, nel quale diviene possibile creare incessantemente fgure, forme e altre immagini intuitive.

I lavori sopra citati mettono in scena forme di soggettivit transitoria, alterazioni dellunit del s: i resoconti fttizi delle sedute di auto-ipnosi e di surreale scrittura sonnambolica, ai quali corrisponde la lenta panoramica sui dettagli dei murali di Pompei Te Black Room , e che riportano alla mente i fenomeni esperiti da coloro che subiscono lunghi periodi di privazione visiva Te Prisoners Cinema , sono paradigmatici di queste immersioni volontarie nel gioco della coscienza. Tere is also an incessant oscillation between several levels of a given consciousness, henceforth fragmented.

Tese are the liminal phenomena, which characterize the architecture of consciousness, as described by neurobiologists Crick and Koch, according to whomthe coalitions of neurons never cease to constitute and dissolve themselves in order to diferentiate that which is capable of being apprehended by the subject and that which remains un-graspable.

Te entire scope of all these rhythms is gathered together in Motis flms. Tese multiple synchronous movements allowone togobeyondthe apparent dichotomy at play in these works, whichtakes place betweenthe visible andthe spoken. Tonotice that, inMotis flms, the image is subject tothe collapse of visual stimuli, or that the image is thoroughly taxedby the sheer durationof its emergence, or that it is potentially misperceived, or that it betrays being colonizedby pre-existing references, is not enoughtorealize the extent towhichthe image is distressed.

Tere isnt a divisionsomuchas there is a permanent redistributionbetweenthe narrative voices andhis restrainedimages. Tere is nosubtractionof the visible inMotis images, whichare reducedrather tothe essential, but onthe contrary, there is the selective restitutionof the conditions under which the visible canemerge. Inorder tosee the single-cell organisms calledRadiolarians, it was necessary tosearchfor that whichwas hidden, or not-seen, but otherwise perfectly present inthe world of the microscope Te Magic Manual, n. Toreally experience certainphenomena, one must enter intothat limitedzone of perceptionandaccept that time becomes anabstraction, suspended betweenimage andsound.

Te price paidby the visible is that of images whichare distended, which deploy all at once the afect, the sensoriality andthe mobility of the always provisional centers of the imagination, whichexist at the heart of these forces of actionandreaction. Te oral displaces the space of fction; the image relies onthe impulsionof its appearance; time unveils itself like interiorized andheterogeneous expansionexperiencedby consciousness. Dreams, states of intoxication, visual abstractionsall involve positive dramatizations Deleuze that goagainst the grainof our daily, representative activity, andthey all move towardwhat Deleuze andJung call individuation.

All of these elements interact, intensifying one another inorder toallowfor the subjective inventionof a newand unknownworld, fashionedby the imaginationandthe pure sensorial perceptionof the mind. Tomas Michelon is an art historian based in Paris, France. He has been cultural attach at the French Embassy in the Netherlands and co-director of the French Institute, Amsterdam. He has also worked for several art institutions, including the Centre Pompidou, Paris.

C anche unoscillazione incessante tra i diversi livelli della coscienza: ricordiamo i fenomeni liminali che caratterizzano larchitettura della coscienza, come descritta dai neurobiologi Crick e Koch, stando ai quali le coalizioni dei neuroni non cessano mai di costituirsi e dissolversi in modo da diferenziare quello che passibile di essere compreso dal soggetto e quello che invece rimane inaferrabile.

Lintera sfera di questi movimenti raccolta nei flm di Moti. Questi movimenti sincronici multipli permettono di andare oltre la dicotomia apparentemente in gioco in questi lavori, i quali prendono forma tra il visibile e il parlato. Notare che nei suoi flm limmagine soggetta al collasso di stimoli visivi, o che ampiamente messa alla prova dalla pura durata del suo emergere, o che essa potenzialmente percepita in modo inesatto, o che tradisce il fatto di essere colonizzata da riferimenti preesistenti, non basta per capire fno a che punto limmagine sia tormentata.

Non c una divisione in quanto c una redistribuzione permanente tra le voci narranti e le sobrie immagini di Moti. Non c sottrazione del visibile nelle sue immagini, che sono ridotte allessenziale, ma al contrario la restituzione selettiva delle condizioni demergenza del visibile. Per vedere gli organismi monocellulari detti radiolari, per esempio, era necessario cercare ci che rimaneva celato, non visto, ma tuttavia era perfettamente presente nel mondo del microscopico Te Magic Manual. Per sperimentare veramente certi fenomeni necessario entrare in quella zona limitata della percezione e accettare che il tempo divenga unastrazione, sospeso tra limmagine e il suono.

Il prezzo pagato dal visibile quello di immagini che divengono dilatate, che schierano a un tempo lafezione, la sensorialit e la mobilit dei sempre provvisori centri dellimmaginazione, i quali sono al cuore di queste forze di azione e reazione. Loralit sostituisce lo spazio della finzione, limmagine si affida allo slancio della sua apparenza, il tempo si rivela come unespansione interiorizzata ed eterogenea esperita dalla coscienza.

I sogni, gli stati di ebbrezza, le astrazioni visive coinvolgono sempre delle drammatizzazioni Deleuze positive che vanno contro la tendenza della nostra attivit rappresentativa quotidiana, e si muovono tutte verso ci che Deleuze e Jung chiamano individuazione. Tutti questi elementi interagiscono, intensificandosi a vicenda, in modo da permettere linvenzione soggettiva di un mondo nuovo e sconosciuto, caratterizzato dallimmaginazione e dalla percezione sensoriale pura dello spirito.

Tomas Michelon vive a Parigi ed storico dellarte. Ha collaborato anche con diverse istituzioni, tra cui il Centre Pompidou di Parigi. Reenergized, he devoted the rest of his existence to discovering how a single individual could change the world with the least waste of resources and to the beneft of all humanity. Buckminster Fuller was one of the most visionary and eclectic fgures of the 20th century, able to move brilliantly between architecture and engineering, mathematics and writing, science and the visual arts.

Te exhibition comprises original drawings, scale models, photographs, geodesic domes built of cardboard and relics of a future that never was, like a surviving example of the Dymaxion car from Book Works has also devoted a whole series of volumes to him, Strategic Questions. Each book is an artistic project that sets out to answer one of Fullers famous forty questions.

Michele DAurizio Leggenda vuole che allet di 32 anni, povero e senza lavoro, Buckminster Fuller avesse contemplato di suicidarsi sulle rive del lago Michigan, quando, inondato di luce solare, sent di appartenere alluniverso e di non avere il diritto di togliersi la vita; energico come non mai, impegn il resto della sua esistenza a scovare il modo in cui un singolo individuo avrebbe potuto cambiare il mondo con il minor spreco di risorse e il benefcio di tutta lumanit. Buckminster Fuller stato una delle fgure pi visionarie ed eclettiche del ventesimo secolo, in grado di destreggiarsi brillantemente tra architettura e ingegneria, matematica e letteratura, scienza e arti visive.

La mostra raccoglie disegni originali, modelli in scala, fotografe, cupole geodediche in cartone e relitti del futuro che fu, come una sopravvissuta Dymaxion Car del Book Works gli ha inoltre dedicato unintera serie di volumi, Strategic Questions. Ogni libro un progetto artistico sviluppato come risposta a una delle famose quaranta domande di Fuller.

Michele DAurizio www. Buckminster Fuller Boris Artzybasheff , R. Te exhibition in London is devoted to Index, a wide-ranging project on which Snyder has focused his energies in recent years, editing and digitizing the enormous archive of images accumulated during the research he conducted for all his previous works. By including in the archive photos of the technological devices used to acquire and store these images e. Eva Fabbris Lesplorazione dei codici visivi che caratterizzano le immagini usate nel mondo dellinformazione da sempre alla base della ricerca di Sean Snyder.

Lartista americano del alla sua prima personale inglese, allICAdi Londra dal 12 febbraio al 19 aprile; inoltre dal 18 aprile al 23 maggio anche la sua galleria francese, Chantal Crousel, ospiter un suo solo show. La mostra londinese dedicata a Index, un ampio progetto a cui Snyder si dedicato nel corso degli ultimi anni editando e digitalizzando lenorme archivio di immagini accumulato durante le ricerche relative a tutti i suoi lavori precedenti. Includendo nellarchivio anche foto dei supporti tecnologici che di volta in volta lhanno contenuto p.

Eva Fabbris www. On the other hand, their creations are flled with references to other disciplines and other times: Pessoa, Ren Daumal, Mlis, early scientifc documentaries and much more. A labyrinth of cultural paths at whose center seems to lie the deconstruction of any pretension to a rational understanding of reality. Teir short 16 mm flms present ambiguous prodigies; their sculptures evoke pre-scientifc systems of thought; their optical machines make viewers rediscover their childish wonder at physical phenomena. Determined for the moment not to ofer direct comments on their work, the artists entrust their thoughts to philosophical dissertations in which it is hard to tell when they are being serious from when they are being ironic.

Te list of exhibitions under their belt is growing ever longer and more prestigious: in , exhibitions are scheduled at the Kunstverein in Hanover March-May , the Ikon Gallery in Birmingham, Zero Simone Menegoi Il primo aspetto che colpisce nel lavoro degli artisti Joo Maria Gusmo e Pedro Paiva rispettivamente e , attivi come duo dal loriginalit: non facile trovargli dei precedenti o dei simili nellarte visiva di questi anni.

Centinaia di migliaia di vite umane passate dalle ciminiere dei forni crematori…… resti umani in cenere finiti nei fiumi e laghi, Dio, che disprezzo, che terrore, che umiliazione. Ovvero, se e come un determinato ordi- namento socio-culturale favorisca il mantenimento delle tradizioni o piuttosto le indebolisca attraverso le generazioni. Dovremmo aggiungere alcune considerazioni che toccano la questione di genere. Un esempio significativo riguarda il rapporto con la scuola. Tale duplice visione espressa dai genitori amplifica la complessa coesistenza di sentimenti di perdita e di innovazio- ne che, ineluttabilmente, influenza le prospettive dei figli e delle figlie.

Difatti, la chiusura dentro i campi produce nel tempo due distinte dinamiche che erodono la positiva tensione fra tradizione e cambiamento. Vorremmo concludere con una riflessione che riassume molti degli aspetti discussi. Sarebbe importante riconoscere nel no- stro contesto quanto essa influenzi le scelte e le aspettative dei ragazzi e delle ragazze rom e sinte. Talvolta, il termine tende a sovrapporsi ad assimilazione, esprimendo con questa de- finizione la sottomissione di una cultura minoritaria a quella maggioritaria.

Ap- parentemente i cittadini europei conoscono poco i diritti e i doveri che deriva- no da tali disposizioni, ossia che tutti, indipendentemente da vari fattori tra cui razza o origini etniche, hanno diritto a essere trattati allo stesso modo. Di conseguenza gli Stati che hanno adottato leggi a tutela di mi- noranze hanno seguito modelli diversificati col risultato che il riconoscimento di diritti e tutele cambia a seconda della specifica situazione nazionale.

I paesi che hanno riconosciuto il romanes come lingua minoritaria al momento della ratifica della Carta europea per le lingue regionali e minoritarie sono Au- stria, Ungheria, Olanda, Slovacchia, Germania e Svezia. Non ci sono rom ad Andorra, in Islanda e a Malta. Il riconoscimento dovrebbe fare parte di un intervento complessivo rivolto a una minoranza portatrice di storia e cultura complesse e vive, parte integrante della cultura italiana.

Il CERD ha espresso serie preoccupazioni sui molti casi di discorsi pieni di odio razziale rivolti contro rom e sinti da parte di politici, e sul ruolo dei mass media nello propagare tali messaggi. Pubblicato sulla G. Risoluzione del Parlamento europeo su una strategia europea per i rom, supra n. Italia, Reclamo n. La mattina successiva il Comune e la Provincia individuano una nuova area, un terreno incolto accanto a una residenza per anziani a Noverasco, frazione di Opera, soluzione che tuttavia non appare adeguata. Alcuni cittadini, giunti sul posto per impedire il lavoro, insultano e minacciano i tecnici colpendo le loro auto e rompendo alcuni vetri.

La notte del rogo, i capigruppo di Lega e AN, Ettore Fusco e Alberto Pozzoli, compreso che la situazione appariva propizia, durante il Consiglio comunale avevano aizzato la folla, megafoni alla mano, denunciando che la decisione era stata presa senza consultare i cittadini. Il presidio Il paese si trova quindi diviso in due e i rapporti di forza si delineano molto pre- sto: il presidio riesce a mobilitare un numero di persone sufficiente a garantire una presenza ininterrotta davanti al campo.

Alcune forze politiche, in particolare la Lega Nord, sostengono attivamen- te la protesta, sia mostrando indifferenza per la violenza esercitata dai presi- dianti, sia con la reiterata presenza sul territorio di noti esponenti del partito, co- me Mario Borghezio. Emergono anche le prime accuse nei confronti di personaggi politici locali, in particolare esponen- ti di Lega e AN. Il sin- daco sembra aver perso qualsiasi potere sulle decisioni che riguardano il terri- torio comunale. In questa occasione non si sviluppa tuttavia un reale dibattito e le diverse posizioni rimangono bloccate.

Rifiutano di proseguire la loro permanenza a quelle con- dizioni. Le accuse sono di danneggiamento e interruzione di pubblico servizio: tra loro impiegati, artigia- ni, operai, studenti. Risultano iscritti al registro degli indagati anche i consiglie- ri comunali Fusco e Pozzoli, per istigazione a delinquere. Il carattere aggressivo e violento ha caratterizzato il presidio fino alla fine: sputi e insulti sono andati scemando e hanno lasciato posto alla perenne umilia- zione di una presenza apertamente ostile, che ha imposto una quotidiana convi- venza con episodi, sguardi, commenti, immagini.

La natura di quello spa- zio, le caratteristiche di chi lo occupa e di chi lo subisce sono un paradigma del- la complessa relazione tra paura, violenza e partecipazione. Beni e ser- vizi essenziali erano stati quindi, per dirla con Polanyi, demercificati. La logica degli sgombe- ri, che non eliminano il problema ma lo spostano, rappresenta una risposta po- litica coerentemente conservatrice. Costruzione il- legale, peraltro realizzata da persone che fino al giorno prima ritenevano in- concepibile trasgredire leggi e regole.

Semplice: forse non sono individui come gli altri. Io non sono razzista ma Ultimo tema: gli atteggiamenti e i comportamenti apertamente razzisti. Da www. Giovani e meno giovani ancora adesso si ritrovano quotidianamente per fare quattro chiac- chiere, approfittando di ogni occasione per improvvisare una grigliata, sfidandosi a calcetto ogni settimana.

Ai primi di lu- glio il clima politico e mediatico locale, che risente pesantemente delle dichiara- zioni e delle iniziative del sindaco, risulta fortemente ostile rispetto ai rom. Finalmente, dopo un bivacco nel Palazzetto dello Sport, vengono divisi e avviati a diverse destinazio- ni una parte subisce il rimpatrio, mentre altri sono indirizzati verso centri di ac- coglienza, cascine e strutture anche fuori provincia.

Quali osservazioni conclusive possiamo dunque provare a formulare rispet- to alla storia e ai fatti recenti che coinvolgono sinti e rom a Pavia? Per una ricostruzione storica di sintesi si vedano, tra gli altri: Bezzecchi et al. Uso qui, e anche in seguito nel testo, i termini zingari e gagi con riferimento al recipro- co appellativo con cui i soggetti dei due gruppi sociali si chiamano nel linguaggio comune, con il correlato di informazioni socialmente prodotte stereotipi, giudizi morali ecc.

Fonte: Opera nomadi Milano. Il sociologo canadese individua quattro fasi del processo di stigmatizzazione, messo in atto dai gruppi sociali dominanti. Fonte: censimento autonomo organizzato dal Circolo Pasolini di Pavia www. Mino- re il divertimento delle insegnanti, tutte volontarie, dalla prof. Per ritrovare il posto? O il- lusi di restarci? Che vuol dire diventare un sedentario? Qui, con i matrimoni precoci, fanno in fretta. Sono tutte do- mande ancora senza risposta. Forse qualche coppia nuova potrebbe pensare al- la domanda per le case popolari.

Intanto si costruisce con quotidiana pazienza e frequenti disguidi un rap- porto di fiducia. Per tutti il capo, come raramente succede nelle famiglie allargate di rom e sinti. Le intelligenze non mancano. Ma non sempre sono in grado di affrontarlo da soli.

Similar authors to follow

Anche noi abbia- mo notato: nel realizzare i tuoi lavori, magari la casetta, sei un buon carpen- tiere, idraulico, elettricista, imbianchino ecc. Ma qui segnamo il passo, nonostante nuove articolazioni della pro- posta e i tentativi di coinvolgere la Provincia. Ci manca ancora il colpo di peda- le giusto. Certo non tocca alle aziende il lavoro del servizio sociale, ma queste delusioni non sono solo occasioni perse, sono passi indietro nella voglia di riprovarci. Gli altri continuano come prima: lavori saltuari, montaggio di stand in Fie- ra, imbiancatura, piccoli traslochi, la raccolta del ferro che stiamo cercando di regolarizzare.

Alleanze, di fatto, con chi capisce e finisce con il condividere lo sforzo in at- to e interviene a sostenerlo. Qualcuno reincontra persino un compagno di scuola o quello dei suoi fi- gli. Un percorso circolare. Tuttavia i sinti sono gente resistente: lo hanno dimostrato anche nel periodo della lotta di Liberazione, a cui diversi di loro hanno partecipato.

La mia voce e la sua si intrecciano e si confondono quasi, frutto di lunghe discussioni e di scritti miei e suoi. Vorrei cominciare raccontando un episodio. Ne ricordo uno in cui lavorava una bambina piccola come me, faceva la tra- pezista. Frequentavo la terza elementare. Il circo aveva piantato il suo tendone accanto alla scuola. Abbiamo fatto una festa per lei. In passato, dunque, i rom erano le carovane dei grandi circhi, erano gli Or- fei o i Togni. Erano i giostrai che giravano per le feste di paese, erano coloro che lavoravano il ferro.

Ma chi sono oggi? Sono anche giornalisti, docenti, musicisti, cantanti. Forse sono uomini e donne. Forse soffrono e sono felici, si ammalano e si curano, nascono e muoiono. Pensando ai rom calabresi ci chiediamo come mai dopo quattro secoli di convivenza con i calabresi parliamo ancora di rom? A Messina non sappiamo niente noi e i rom di Messina delle esperienze la- vorative dei rom di Reggio eccellenti muratori, operatori ecologici , come non sappiamo che molti di loro vivono in appartamenti.

Alcuni ragazzi e ragazze si sono perfino diplomati. Abbiamo invitato a parlare con i miei studenti una donna rom fuggita dalla guerra con i suoi figli. Ha lasciato un paese dove aveva una casa e un lavoro. Oggi si parla tanto di cittadinanza europea, ma chi di noi si sente un citta- dino europeo? Come manifesto il mio dissenso? In questo articolo ragioniamo sui risultati di due ricerche sui e con i rom: la prima realizzata a Messina e Reggio Calabria cfr.

Noi abbiamo gli strumenti per studiare loro, per dire chi sono, che abitudi- ni hanno, quali sono i loro valori e i loro costumi, le loro credenze e i loro miti. Noi volevamo entrare nel mondo rom, ma da dove cominciare? Non bastava, dovevamo trovare il modo per relazionarci al loro mondo. Conservano la vita, fanno di tutto per preservarla. Per i rom la famiglia diventa tale non con il matrimonio, ma con la nascita del primo figlio. Di- vise dal mare, dallo Stretto di Messina, luogo ricco di miti e di leggende.

La ricerca qualitativa ha invece riguardato un campione limitato. Non sempre le parti sono riu- scite a trovare soluzioni soddisfacenti: in alcuni casi sono rimaste imbrigliate in un circolo vizioso che ne ha condizionato il potere di scelta e di azione. Nella maggior parte dei racconti delle donne rom vengono evidenziati due momenti centrali: il conflitto iniziale nella fase del pre-contatto, e la costruzione di interazioni efficaci nella fase del contatto diretto. Dover abbandonare in breve tempo la propria casa e doversi trasfe- rire in un quartiere nuovo significa ripensarsi in un contesto diverso, in cui le per- sone che fino a qualche giorno prima appartenevano al proprio quotidiano vengo- no improvvisamente spazzate via e sostituite da volti anonimi e spesso sospettosi.

Gli studi antropologici sulle minoranze ci costringono ad avere uno sguardo parziale, ci spingono a studiare il gruppo come un oggetto, sia pure ricco culturalmente di tradizioni. Siamo sempre noi che definiamo loro, che decidiamo come parlarne. Per maggiori approfondimenti sui passaggi salienti del percorso che ha portato alla can- cellazione di uno dei campi rom di Reggio Calabria, cfr. Marino, Sgreccia in corso di stampa.

I nomi utilizzati nel testo sono fittizi. Le argomentazioni degli oppositori al nuovo villaggio sono decisamente am- bivalenti. Chiediamo con fermezza la tutela del pa- trimonio delle nostre case e della nostra sicurezza! La vicenda balza alle cronache nazio- nali e i volti e le voci dei protagonisti della vicenda fanno la loro comparsa sui prin- cipali notiziari. Alcuni politici nazionali, inoltre, si recano in visita al presidio per dare il proprio sostegno tra cui il capogruppo del PDL in Senato Maurizio Gasparri e il ministro della Difesa Ignazio La Russa.

Diverse azioni provengono dal Partito democratico locale. Affermare che Venezia ha una lunga tradizione di accoglienza e tolleranza, e che coloro che si oppongono al villaggio sinti sono una parte minoritaria del- la popolazione, che rappresenta una sorta di corpo estraneo in parte anche in senso letterale, dato che diversi sono politici non veneziani. I sinti di via Vallenari si sono infatti molto lamentati del fatto che i membri del comitato si sono rifiutati di con- siderarli come interlocutori, evitando sempre di relazionarsi con loro.

Il progetto del villaggio sinti co- stituisce un importante passo avanti anche in questa direzione. Promuovere la salute con un carico di pregiudizi comporta grandi frustra- zioni, grossi limiti di azione e di impatto e lo spreco di ingenti risorse. Eppure, il diritto alla salute rimane troppo spesso un diritto violato, difficile da difendere e far rispettare. Chi promuove la salute, ha tra i suoi compiti principali la lotta contro le di- suguaglianze. Tale affermazione deve rendere consapevoli gli operatori di salu- te che non vi possono essere percorsi di promozione che mantengano lo status quo delle disuguaglianze, e si sforzino di considerare la salute come elemento se- parato dal contesto sociale.

Vediamo questi esempi. In cin- que anni, il percorso svolto dal poliambulatorio ha portato a una generale dimi- nuzione di tutte le patologie dermatologiche, e a un aumento della richiesta spontanea di consulenza pediatrica, di vaccinazioni e di consigli relativi alla cor- retta alimentazione. Buoni risultati, quindi. Condividiamo gli obiettivi del progetto. Proviamo tuttavia ad analizzare alcune frasi del testo.

Queste famiglie non sono nomadi, ma sono scappate dalla guerra. Inoltre, gli interventi preventivi possono essere compresi in tut- te le culture se vengono adeguatamente spiegati. Tutti gli italiani e gran parte dei rom stranieri parlano ita- liano. Le anomalie congenite sono spesso dovute alle condizioni di vita e am- bientali in cui molti sono costretti a vivere. La comunicazione aiuta il dialogo. Il dialogo deve aiutare la partecipazione. I servizi sociali. Inoltre mi oc- cupo della formazione di operatori e operatrici a vario titolo impegnati nel la- voro di cura alla persona. La depressione, la rabbia, il senso di umiliazione e inadeguatezza, il dolore, sono solo alcuni dei sentimenti con i quali le persone approdano a questi servizi.

Penso proprio di no. Op- pure bisogna distinguere, anche in questo caso, tra rom anziano, minore, senza casa? A chi bisognerebbe prendere le impronte? A tutti i minori rom, anche se italiani? A tutti coloro che vivono nei campi? Quindi di nuovo: i rom sono assimilabili a una situazione socio-abitativa? Una suddivisione etnica, appun- to. Que- sta donna, come tutti i rom, vive in una famiglia allargata, costituita da lei, il suo compagno, i loro tre figli e dieci nipoti. Infatti per Lilia era perfettamente normale muoversi con i tre ni- poti tra le due parti di uno stesso nucleo familiare.

Un ultimo racconto esemplificativo. Una collega aveva inviato al servizio sociale di competenza una madre rom per una richiesta di latte al neonato. La mia collega ha fatto presente di aver fatto fare la certificazione di agalattia alla signora e che pensa- va le fosse stata consegnata. Con queste pagine non volevo trasmettere una visione negativa di alcune ca- tegorie professionali o di determinati servizi, alcuni dei quali sono eccellenti e ricchi di splendide intelligenze, ma porgere un elemento di riflessione rispetto ai pregiudizi e agli stereotipi che condizionano ognuno di noi.

Il lavoro prevede una prima fase durante la quale le animatrici si recheran- no presso le zone abitate dalle famiglie per un primo momento di avvicinamen- to. Questi momenti possono inizialmente partire dalle famiglie legate alla scuola, per poi allargarsi a tutta la cittadinanza. In conclusione, e per una prima valutazione del progetto, attualmente in pie- no svolgimento, possiamo evidenziarne gli aspetti positivi e i nodi critici.

Alcuni ragazzi sono stati avviati a corsi professionali per il conseguimento della licenza media e conseguentemente si avvieranno progetti di inserimento la- vorativo per i giovani. I percorsi educativi. Il lavoro concreto a favore dei gruppi rom e sinti ha sempre fatto riferimen- to a tre presupposti irrinunciabili.

Dal punto di vista metodologico sono stati adottati alcuni accorgimenti, proprio per adattarsi alle caratteristiche di queste donne. Tuttavia resta il rapporto instaurato con le donne del campo. La scuola. Tali regole sono anche quelle che connotano il luogo nel quale si svolge quotidianamente la loro vita: il luogo, segregato e segregante, in cui essi si trovano provvisoriamente a risiedere con la loro famiglia, o nel quale so- no nati.

Del resto in Italia, al contrario di altri paesi europei, esistono pochi percorsi istituzionali di ac- compagnamento per adolescenti rom e sinti che, come le borse di studio o le borse- lavoro, potrebbero consentire loro di raggiungere livelli superiori di istruzione e ac- cedere a diverse professioni, anche di tipo intellettuale. E tale sembra essere oggi purtroppo il futuro che li attende. Mi riferisco, in particolar modo, alle re- gole che scandiscono la giornata a scuola, come quelle che riguardano le pre- senze e le assenze, lo scambio comunicativo con la famiglia, il poter usufruire della mensa e di altre facilitazioni per lo studio.

Nella scuola si riscontra la tendenza a perpetuare mo- di e metodi spesso inadeguati, che non considerano e non valorizzano le differen- ze, in quanto lo scopo prevalente sembra essere quello di uniformare gli allievi. Di fatto questa impostazione finisce col negare il problema della differenza. Il disinteresse verso la loro cul- tura e il pregiudizio negativo nelle sue forme peggiori vengono applicati anche al- la loro lingua, anzi sarebbe meglio dire, alle lingue dei rom e sinti. In questa ricostruzione, particolare importanza andrebbe riservata alla con- siderazione di questi allievi come parlanti bilingui o anche trilingui, una condizio- ne che viene sovente tenuta presente rispetto ai bambini stranieri, ma spesso in- vece ignorata o molto sottovalutata per quanto riguarda i bambini rom e sinti.

Si trovano nella condizione di chi deve appren- dere contenuti che non conosce in una lingua che non sa. Tutti gli studi raffinati che riflettono e ripensano questo passag- gio, da quelli filosofici a quelli antropologici, da quelli psicoculturali a quelli psi- colinguistici, mostrano come questo passaggio implichi una ristrutturazione del- la mente e un profondo cambiamento che tutti i bambini attraversano. La scrittura rappresenta un oggetto potente e affascinante di cui i bam- bini rom sinti vorrebbero impadronirsi e nel contempo liberarsi.

Il lavoro. A partire dalla L. Per valutazione della rilevanza nel contesto delle politiche sociali si intende, invece, la ricaduta nel medio e lungo periodo delle sperimentazioni Equal sulla pro- grammazione sociale, sia a livello locale che regionale, in termini di trasferimen- to e disseminazione delle prassi di intervento sperimentate.

xuxiuvv.tk Ebooks and Manuals

Allo stesso tempo la popolazione rom e sinta si presenta come un target group eterogeneo e portatore di bisogni diversificati, riconducibili alle dimensioni di una qualsiasi popolazione, imponendosi alla programmazione so- ciale come tematica trasversale. Milano ha risposto, con luci e ombre, a partire dalla fine degli anni Settan- ta, alla richiesta degli zingari di avere dei luoghi certi dove potersi fermare.

Certamente ha vissuto molto meno la passione per i di- ritti. Ha messo in gioco di volta in volta tutti gli attori possibili, condizionando- li o mettendoli a tacere: politici, Chiesa e volontariato, operatori sociali e istitu- zioni, organi di informazione. Per queste ultime si tratta, principalmente, di manodopera in nero nei cantieri edili. Infine, si vuole in- centivare la partecipazione diretta degli interessati alla progettazione degli in- terventi a loro destinati, attraverso la condivisione delle politiche a cui tali azio- ni dovranno fare riferimento.

La presa in carico del- le famiglie interessate dal progetto ha una durata di due anni, eventualmente estendibili a tre. Nelle conclusioni PAR. Infine, possono essere definite in rapporto ai criteri di valutazione usati per valutare o mettere in discussione, in situazioni pubbli- che di disaccordo, la giustizia di un dato ordine normativo regime della giusti- ficazione. Si vive alla gior- nata pensando al luogo in cui poter rifugiarsi in caso di sgombero e ai pochi be- ni personali da raccogliere.

Le persone di riferimento restano poche e sono, spesso, solo i componenti della ristretta cerchia familiare. Una connotazione etnica che separa nettamente questi gruppi dal resto del- la popolazione, anche sul piano morale. Una forte segregazione spaziale degli insediamenti abitativi predisposti. Innanzitutto, un meccanismo di concentrazione spaziale del disagio e degli svantaggi sociali. In secondo luogo, un meccanismo di separazio- ne spaziale del contesto abitativo del gruppo considerato.

In terzo luogo, un meccanismo identitario di appartenenza al contesto abitativo. In quarto luogo, un meccanismo di svalutazione della rendita immobiliare nel contesto abitativo. Invece, tendenzialmente questo non avviene, e i campi ri- producono incessantemente la segregazione per cui sono stati pensati e i mec- canismi identitari di appartenenza che li caratterizzano.

La stigmatizzazione non crea la segregazione, ma la mantiene e la riproduce. I meccanismi di concentrazione, separazione e svalutazione si com- binano a rinforzare un meccanismo identitario nella sua ambivalenza. In altri termini, campi nomadi e sgomberi sono due facce della stessa poli- tica. Sono effetti per nulla paradossali, ma ben prevedibili. Campi e sgomberi, assieme, producono effetti di impo- verimento. Qui ci interessa sottolineare che sono spese, non investimenti.

Non tutti i gruppi zigani vi- vono in campi nomadi o in baracche. Al contrario: la maggior parte dei gruppi ha acquistato dei terreni e vi ha edificato regolarmente le proprie case quando ha voluto mantenere un habitat fondato su famiglie estese. Altri, invece, hanno comprato dei terreni agricoli in cui hanno collocato le proprie roulotte. Gruppi differenti hanno adottato strategie differenti. Alcune di queste situazioni restano in parte problematiche. Al- tre situazioni hanno comunque riprodotto alcune logiche di segregazione. Tutte e tre queste strategie non sono possibili senza riconoscere i rom e i sin- ti come titolari della propria vita e delle proprie condizioni di vita.

Vitale, parte introduttiva e PARR. Brembilla, PAR. I tempi nelle relazioni familiari quotidiane vengono, invece, scanditi in modo quasi os- sessivamente ripetitivo e ciclico a fronte di un cambiamento continuo del luogo in cui si abita. Le famiglie vengono coinvolte nella ricerca di una soluzione abitativa alter- nativa al campo e sono chiamate a definire con i servizi e la struttura organizza- tiva del programma i progetti personalizzati di accompagnamento che saranno successivamente sviluppati grazie alla partecipazione di soggetti del terzo setto- re.

Le famiglie sono state accolte tanto con interventi di accoglienza transitoria che in alloggi presi in locazione o ristruttu- rati. In parti- colare si osservano: — Il regolamento condominiale in tutti i suoi aspetti. Per quanto riguarda la formazione del gruppo di famiglie da coinvolgere, sono stati definiti criteri oggettivi e soggettivi di valutazione. Solo parte della popolazione risiede presso i campi-sosta attrezzati, presenti in entrambi i Comuni.

Si tratta, in entrambi i casi, di amministrazioni rette fin dai primi anni Novanta del se- colo scorso da giunte di centro-sinistra la stessa maggioranza che esprime la giunta e il presi- dente della Provincia autonoma di Trento ; pertanto tendenzialmente orientate ad assumere iniziative a favore di popolazioni normalmente emarginate e, nel caso delle popolazioni sinta e rom, ostracizzate. Gli IDE sono disciplinati dalla L. La legge norma gli interventi di: prevenzione; promozione; intervento di aiuto e sostegno alla persona e alla fa- miglia; interventi a integrazione e sostituzione delle funzioni familiari.

Si tratta, pertanto, di in- terventi personalizzati che vengono attivati dai Servizi territoriali sulla base di una specifica ri- chiesta presentata dalle famiglie interessate. Sebbene la maggioranza dei rom e dei sinti che vive oggi in Emilia non pratichi il nomadismo, nella percezione comune resiste la convinzione che le so- luzioni abitative per questi gruppi debbano sempre essere differenziate da quel- le del resto della popolazione.

I sinti e i rom che abitano a Bolo- gna si differenziano anche per questo motivo. I rom, sia slavi che romeni, pro- venivano da contesti rurali o da quartieri urbani dove possedevano abitazioni e svolgevano una vita sedentaria. Oltre alla Regione Emilia-Romagna, che ha sostenu- to e cofinanziato il Piano, il Comune ha promosso un tavolo interistituzionale con la presenza della Prefettura, della Questura, dei Comuni di Sasso Marconi e Castel Maggiore per decidere i tempi di smantellamento delle strutture e defi- nire tutte le situazioni pendenti in merito ai permessi di soggiorno di alcuni ospi- ti provenienti dalla ex Iugoslavia.

Al- cune di loro, tuttavia, hanno cercato altre strade. Altre due famiglie hanno seguito percorsi differenti. Rivolgersi alle agenzie immobiliari ha consentito inol- tre di usufruire di appartamenti di piccoli proprietari, permettendo che i bene- fici delle misure straordinarie avessero una ricaduta anche su una parte del ceto medio bolognese interessato a mettere a reddito i propri immobili. A questo fine il Comune di Bologna ha mosso un primo passo.

In via Capo Rizzuto, alla periferia nord-ovest di Milano, di buon mattino un gruppo di famiglie rom romene viene allontanato dalle baracche che avevano costruito. Mentre le ruspe distruggono il piccolo quartiere, gli sfollati, con i pochi bagagli sottratti alla distruzione, si ritrovano sotto una pianta nei pressi di Molino Dorino per ripararsi dalla calura estiva senza sapere che fare e dove andare. Sono cittadini extracomunitari, la gran parte sprovvisti di permes- so di soggiorno. Si tratta di un centinaio di persone, la maggior parte di essi so- no minori.

In via Ripamonti, alla periferia sud di Milano, di buon mattino un gruppo di famiglie rom romene viene allontanato dalle loro barac- che che le ruspe stanno distruggendo. Gli sfollati si ritrovano in un piccolo spiaz- zo, a fianco della strada, intirizziti dal freddo, senza sapere che fare e dove an- dare. In via San Dionigi, alla periferia sud-est di Milano, di buon mattino un gruppo di famiglie rom romene, viene allontanato dalle baracche che avevano costruito e soprattutto ricostruito almeno due volte dopo due incendi.

Nella maggioranza dei casi, le famiglie si disperdono sul territorio alla ricerca di un altro luogo tranquillo e non troppo in vista per edificare una nuova abitazione di fortuna, con la consapevo- lezza che, prima o poi, potrebbe succedere ancora di essere allontanati. Almeno per la prima sera a tutti veniva assicurato un tet- to sopra la testa, una branda per dormire e un piatto caldo per la cena. Da un anno i primi nu- clei familiari abitano in una casa privata. La condivisione e il confronto hanno generato, per passaggi graduali, sviluppi impensati.

Le famiglie che hanno rea- lizzato questo percorso provengono da campi regolari e abusivi, nei quali conti- nuano ad avere parentele e relazioni. Servono tempo e risorse: la storia iniziata con il primo gruppo dura ormai da tre anni. Il tempo ha permesso di conoscersi, confrontarsi, litigare e rispet- tarsi. Il lungo confronto, fatto di momenti assembleari e soprattutto di colloqui nei quali si sono definiti percorsi su misura per i singoli nuclei familiari, ha per- messo di crescere assieme.

Per fortuna avvengono i miraco- li e le famiglie, a un certo punto, si sistemano autonomamente. Alcuni preferiscono altro: in un quadro certo faticoso, ma tutto considerato consolante, lascia spazio alla riflessione la scelta di alcuni nuclei familiari, che dopo aver sperimentato soluzioni abitative normali, hanno scelto di tornare con i propri figli in baracca senza luce, acqua potabile, servizi igienici , che ha il van- taggio di essere a costo zero.

A oggi, sono circa trenta le famiglie rom della provincia di Mantova che vivono in alloggi popolari. Inoltre, saranno perseguiti altri importanti obiettivi che da anni a Mantova si stanno curando. Il primo riguarda specificatamente noi operatori. Alberto Caldana, presidente di Porta Aperta, diventa asses- sore alle Politiche sociali. Pertanto le collaborazioni potevano insistere su una cordiale relazione fra colleghi, ma non sulla condivisione dei presupposti operativi.

Que- ste modifiche al PRG, accolte dal Consiglio comunale in fase di controdeduzio- ne, furono definitivamente rigettate dalla Provincia di Modena. Il pro- getto venne accantonato per i costi altissimi di realizzazione, e per la posizione del terzo settore modenese che aveva iniziato a lavorare con alcune famiglie di sinti su percorsi in comuni lontani da Modena. Proposta che non ha portato a risultati concreti.

Una verifica anche costante, ma che tralasciava la lettura delle risorse che si po- tevano mettere in campo. Nello stesso periodo, viene pubblicato il libro Strada, patria sinta, in cui De Barre racconta la storia della sua famiglia. Il libro porta a riscoprire la storia dei sinti a Modena non come una storia a parte, ma come intreccio co-costruito di momenti e di spazi comuni.

De Barre, dopo la presentazione del libro, prende accordi con la Circoscri- zione n. La Circoscrizione acconsente. Nel frattempo le carovane sosteranno su un piazzale della circoscri- zione in via Fossa Monda. Per giungere a questo risultato ci sono stati un passaggio amministrativo in Circoscrizione, il dibattito in Commissione e il passaggio in Consiglio comunale.

Circolano volanti- ni in cui si parla di furti nelle case e di campi nomadi-immondezzai. Una consigliera della minoranza, inseguendo gli umori del pubblico, par- la del degrado del campo nomadi, di una paura diffusa e non tollerabile e del fatto che i sinti siano persone comunque sgradite. Questo av- viene in un clima molto teso, in cui il pubblico giunge a offendere esplicitamen- te alcuni consiglieri. Altri due nuclei familiari allargati hanno indivi- duato una soluzione presso comuni limitrofi.

La Giunta fa quadrato e decide di dichiarare pubblica- mente i quattro siti in cui verranno realizzate le aree, e procedere al confronto con i cittadini. Diversa la situazione della circoscrizione verso ove- st, che non ha mai avuto insediamenti di rom e sinti. In questo quartiere le as- semblee con la cittadinanza sono state tesissime. Gli assessori presenti vengono bersagliati con le critiche peggiori. Cresce la protesta popolare, che si struttura in un comitato agguerritissi- mo.

La maggioranza dei sinti si dissocia. Anselmi sostiene che questo accadeva anche a Bologna: dagli anni Ottanta nei quartieri in cui si costruivano i campi, si vietava la sosta prov- visoria in qualsiasi altra area. A partire da questo racconto si sviluppa una discussione in cui emergono due posizioni differenti.

Anselmi sostiene che un campo grande, in cui ogni area viene se- parata da muretti, e dove ognuno ha il suo spazio, potrebbe anche essere fun- zionale, come un villaggio. Pensate a come stavamo a Baccelliera, dove non si poteva dire niente al vici- no se teneva la musica alta, e per qualsiasi cosa si finiva per litigare. Se qualcuno veniva a fare danni, la cosa ricadeva su tutti. I gagi del quartiere smettevano di sop- portarci come fossimo tutti uguali. Ed era la legge per i sinti e per i gagi. Inoltre ci vorrebbe un antincendio.

Ma come fanno i vigili a essere presenti di notte? Si chiede qualcuno. A riguardo consentiteci di inserire il nome di Daniela Giuliani, a cui va la nostra mas- sima riconoscenza. Alla fine del- la Seconda guerra mondiale, il Baluardo viene utilizzato per dare un alloggio alle famiglie di sfollati.

Qui trovano spazio anche le famiglie sinte in sosta invernale. In alcuni casi sono state investite poche risorse finanziarie, in altri mol- te ma, a causa della cattiva gestione, i risultati sono stati comunque scarsi. Tutti italiani quindi, che per cultura preferiscono vivere con la fami- glia allargata: nonni, genitori, figli e nipoti.

Le aree residuali sono terreni che ri- mangono liberi e che di solito sono interni ad aree agricole, oppure che, in se- guito a grosse urbanizzazioni o alla realizzazione di opere pubbliche, rimango- no inutilizzati. Nelle microaree, in tutti i casi descritti, le utenze sono a totale carico delle famiglie. Ogni allog- gio prevede un locale soggiorno-cottura, due camere da letto, un bagno, ha im- pianti autonomi, ingressi indipendenti, il posto auto coperto e un giardino adia- cente alle palazzine.

Essendo prevista la partecipazione economica da parte degli operatori sinti al finanziamento del progetto, una quota dello stipendio del lavoro di muratori, decisa dai sinti stessi, viene accantonata e successivamente detratta dal Comune di Padova dalla retta di affitto o dalla quota di riscatto. Il denaro speso per gli sgomberi o la costruzione di megacam- pi dovrebbe essere usato in maniera migliore finalizzando le risorse a una effi- cace integrazione nel nostro tessuto sociale.

Non dimentichiamo che i rom e i sinti sono vittime di tutti e tre i tipi di raz- zismo che conosciamo: da esclusione, da assimilazione, da paura. In ogni caso, le persone intervistate dichiarano di essere piuttosto in linea con le opinioni espresse, in momenti informali, dalla propria cerchia di conoscenze e dalle persone abitualmente frequentate. Gli altri intervistati hanno conoscenza indiretta delle famiglie rom e sinte, tramite la scuola oppure attraverso i contatti con le Caritas locali, per il ritiro di pacchi di viveri o vestiario.

A livello politico generale ritengono sia necessario definire un progetto con- diviso con i cittadini, includendo sia i cittadini rom sia i cittadini non rom, che gli intervistati ritengono debbano essere destinatari del programma tanto quan- to i rom. Nessuno degli intervistati, inoltre, identifica le famiglie rom e sinte presenti a Trezzo come pericolose.